Pre Smoda Photo by antonio massara

Per la condivisione di materiali prima dell'evento SMODA ho pensato fosse una buona idea postprodurre le stesse immagini create per il video di start della sfilata, tagliandole in modo da dare emozioni ma non informazioni. Il progetto, al momento delle condivisioni, era strettamente top secret. 

Ne è venuta fuori una galleria di immagini che a me piace molto, e che voglio condividere. Sono tagli estremi, ma proprio per questo abbastanza divertenti.

 

con le mani tra ordito e trama by antonio massara

Chiara fa tessuti a mano. Li fa con i suoi telai. 

Avete mai visto un telaio per la tessitura a mano? No?

E' una macchina gigantesca. Ci sono miliardi di fili e mucchi di aste e bilancieri, tutti che si intersecano, tutti che si parlano e si muovono: un esercito in movimento. Le aste di legno sono consumate dall'uso, da tutto quel tichettare e sbrum sbrum, su e giù, sali e scendi. Il sedile dell'essere umano che muove tutto questo incredibile marchingegno è quasi inesistente, una tavoletta di legno larga non più di venti centimetri. Perché per tessere la tela ci si deve muovere, su e giù, mica si sta seduti come al computer. E poi ci sono i pedali, come quelli del pianoforte, ma più numerosi e più grandi, sbrum sbrum, sali e scendi, tran tran. 

Le braccia e le mani si muovono all'unisono con la macchina, con la trama e l'ordito. E a volte ci affondano, precise come perfetti utensili di altissima ingegneria (perché quello sono, ma facciamo finta di dimenticarlo). E la tela cresce, filo dopo filo, minuto dopo minuto, ora dopo ora, inesorabile come il tempo della vita, un minuto dopo l'altro, fino al compimento dell'opera. Per questo il telaio a mano è una magnifica metafora della vita, di quella vera, trama e ordito di uomini, macchina semplice che moltiplica i ricordi fino all'enormità, dove il tempo la fa da padrone. 

Chiara Pirroncello lavora a Chiaravalle Centrale, in provincia di Catanzaro. Un paese lindo e pulito come l'aria che si respira. Il suo sguardo è chiaro, sicuro, senza dubbi. Ma non mi faccio prendere dall'illusione: vivere qui non deve essere facile. Non lo è da nessuna parte. Però l'aria è fresca e la luce scintillante. Si può fotografare. Grazie Chiara.

 

minerali affascinanti by antonio massara

Murakami nel suo "Il mestiere dello scrittore", scrive:

Se aspirate a scrivere un romanzo, quindi, guardatevi attorno con attenzione - questa è la mia conclusione. Il mondo ci sembra privo di valore, ma in realtà è pieno di minerali affascinanti ed enigmatici. Il romanziere è qualcuno che ha la capacità di vederli ed estrarli. Altra cosa straordinaria, è tutto gratis. Se siete dotati di due occhi che sanno osservare, di quei preziosi minerali potete sceglierne e prenderne quanti ne volete.

La cosa straordinaria è che la stessa frase, uguale uguale, può essere detta a proposito dei fotografi.